sabato 11 febbraio 2012

LA STREGA CHE VOLEVA TRUCCARE LE EMOZIONI


Un conto è sentire
che riesci a lasciarti dormire
Un conto è svegliarti e sentirti già stanco
un conto è trovarla di fianco
Un conto è sentire
che il fuoco non è ancora spento
Tanto ora e allora
e ancora così a rubare
l'amore che si fa rubare
Ora e allora
e quando sarà
su una fune sottile
con il proprio stile

Un conto è la vita
che imposta il suo gioco
un conto è averlo capito

non scrivo da un po' ma di cose nel frattempo ne son successe tante
lacrime, sorrisi, risate grasse e anche risate amare...
vorrei che esistesse un trucco per le emozioni.
.vorrei poter mettere il rimmel dello sguardo deciso, 
l'ombretto che nasconde la tristezza, 
il kajal che nasconde la malinconia..
in fondo è carnevale e quasta città vive di maschere...
non se ne accorgerebbe nessuno, mimetizzata tra maschere e truccatori
gli occhi, lo specchio dell'anima che non son mai riuscita a camuffare
se una cosa non la dico la puoi leggere nei miei occhi ed è per questo che a volte abbasso lo sguardo..non per debolezza ma per difesa..
per non dover dar conto di quello che i miei occhi dicono mentre io vorrei tacerlo..


1 commento:

  1. che dire...
    anche la caustica candeggina ha un cuore: abbraccione.

    RispondiElimina